La letteratura rabbinica

Le caratteristiche della letteratura rabbinica
22 aprile 2016

La letteratura rabbinica

La letteratura rabbinica ha alcune caratteristiche che possono essere così ricapitolate:

  • non ha nessuna preoccupazione o finalità estetica (benché raggiunga
    spontaneamente alti livelli poetici)
  • è mirata alla prassi e a costruire e mantenere un ponte tra il Sinai e l’hic et nunc
    si muove da una iniziale fase orale a una scritta e dell’oralità conserva molti
    connotati
  • è una letteratura anonima e collettiva, non nel senso di popolare, ma nel senso
    che vi confluiscono, in un continuo accrescimento redazionale, gli insegnamenti di
    migliaia di dottori, menzionati con i loro pareri sia quando questi sono accolti sia
    quando non lo sono
  • la Torah scritta e orale è il riferimento costante e la cellula generatrice
    Tale letteratura avviene in due direzioni diverse non opposte, a seconda che venga
    usato:
    – il metodo midrashico: parte dalla Bibbia per ricavarne norme e insegnamenti
    – il metodo mishnico: arriva alla Bibbia, cercando di fondarvi il diritto, il rito, la
    precettistica ricevuta dalle generazioni e dalle consuetudini dei maestri
Te Deum // Musica Sacra
  1. Te Deum // Musica Sacra
  2. Isusova Molitva // Musica Sacra
  3. Agni Parthene // Musica Sacra
  4. Preghiera di Gesù // Musica Sacra